Beppe

Nel sud della Francia, in Linguadoca, viveva un popolo la cui religione per certe specificità fu concorrenziale alla Chiesa Cattolica d´Occidente. L´eresia dei Catari o "Puri" fu l´incubo del papato agli albori del secondo millennio. La repressione della Chiesa, risoluta a diventare il primo potere del mondo occidentale, fu commisurata alla paura che i Catari potessero, con il loro credo, mettere in crisi l´intero fondamento della chiesa cristiana. 

La risoluzione nell´occultare il Sapere (religioso, filosofico, scientifico) portò a sterminare chiunque si opponesse al suo progetto. Non si trattava, infatti, di singoli eretici da punire, ma di un fenomeno di vasta portata, cui l´Europa dell´epoca non era abituata, e che ricordava i grandi movimenti religiosi scismatici che avevano afflitto l´impero romano d´oriente, come ad esempio i Pauliciani. E´ arduo in altro modo spiegare la creazione di un potentissimo mezzo di soppressione come l´inquisizione, la costituzione di un ordine religioso (i domenicani), preposti a controbattere le dottrine catare, e all´organizzazione di una crociata, cristiani contro cristiani, con connessa licenza di massacro.

Nel 1209, l´esercito crociato condotto da Arnaud-Amaury, abate di Citeaux, massacra la quasi totalità della popolazione di Béziers, senza distinzione d´età o di sesso. Circa 25000 furono i morti, tra cui donne e bambini che si erano rifugiati nella chiesa San Nazaire. Gli abitanti, solidali tra loro, rigettarono la richiesta di consegnare i catari. In quella circostanza, ad Arnaud-Amaury, fu attribuita la frase "uccideteli tutti! Dio riconoscerà i suoi". 

La scusa a giustificazione di una crociata cosi efferata fu l´uccisione, il 14 gennaio del 1208 presso Arles, di Pierre de Castelnau legato del Papa (Innocenzo III, al secolo Lotario dei Conti di Segni), per mano di sconosciuti, circolò ad arte la voce che incolpava i Catari come esecutori. 

Il grave fatto di sangue permise al papa di suonare subito le trombe di guerra. Inoltre uno stato sovrano, come la Francia, già dilaniata dalla guerra dei cent´anni, sarebbe potuto essere messo in discussione da questa setta e dal suo alleato laico, il potente conte di Tolosa, essa quindi fu schiacciata dall´azione combinata tra Stato e Chiesa. Il catarismo era un movimento cristiano con alcune particolarità che lo distinguono dal cristianesimo. Per i Catari esistono un Dio malvagio, falso e crudele (Satana) e un altro Dio, buono, santo e giusto. 

Il mondo materiale è opera del Dio malvagio, mentre il creatore di ciò che rimane in eterno è il Dio Buono. I Catari erano convinti che Satana avesse scritto il Vecchio Testamento. Per loro Abramo, come tanti, non era altro che una figura diabolica. Tutte le cose materiali che si vedono sulla terra sono vane e vengono da Satana. La terra è un luogo malvagio e tornerà nel nulla da dove è venuta. Satana ha modellato tutto dalla materia preesistente, il Dio Buono crea dal nulla. 

L´uomo è fatto di corpo, anima e spirito. Il corpo è stato modellato dal Dio malvagio, mentre l´anima e lo spirito sono creati dal Dio Buono. L´anima si trova nel corpo, mentre lo spirito è al di fuori e sorveglia l´anima. Gesù Cristo è la salvezza, Egli rivela la verità, libera gli spiriti imprigionati ed indica la via che porta al Dio Buono. Per i Catari il battesimo non è quello d´acqua, ma è un battesimo spirituale, che gli uomini ricevono da adulti: il consolament. 

Con il battesimo l´anima si riunisce con lo spirito. Solo chi ha ricevuto il consolament faceva parte della Chiesa di Dio, e questi erano chiamati Parfaits (Perfetti), mentre gli altri erano i Credenti. L´unione per eccellenza di anima e spirito è quella tra Maria Maddalena e il Cristo. Per i Catari esisteva la reincarnazione. Le persone che non avevano ricevuto il battesimo spirituale si sarebbero reincarnate da una a nove volte.

 

"Ogni creatura fatta dal Padre celeste sarà salvata, e nessuno di loro perirà... essi andranno di corpo in corpo, finché non giungano in un corpo nel quale pervengano allo stato di verità e di giustizia e vi diventino buoni cristiani" dicevano, in uno scritto Giacomo Antier e Guglielmo Balbaria. I Catari criticavano la Chiesa Cattolica. A questa era contrapposta la loro Chiesa, una Chiesa interiore. Non ammettevano il battesimo dell´acqua né l´eucarestia, non esisteva alcun edificio sacro, la loro Chiesa erano i fedeli in mezzo ai quali stava Gesù e vi sarebbe rimasto fino alla fine del mondo. 

I Catari, come detto all´inizio, erano buoni cristiani, non sono da considerare eretici, tanto che Bernard de Clairvaux (San Bernardo) diceva di loro: "Nessun sermone è più cristiano dei loro e la loro morale è pura". 

I Catari avevano qualcosa che poteva mettere in discussione il cattolicesimo? Come poteva la Chiesa Cattolica rimanere insensibile?

Anzi doveva fare di tutto per impossessarsene.

Bisognava prendere una decisione, l´unica possibile era il loro sterminio. C´è da aggiungere che in quel periodo il movimento cataro era molto radicato nella Linguadoca ed era diventato ormai alternativo al cattolicesimo. Nel 1244 cadde l´ultima fortezza, Montségur. Montségur si trova a 40 Km da Rennes-le-Château. I Catari si erano stabiliti nella fortezza nel 1208, due anni dopo che Raymond de Péreille, signore di Montségur, la aveva ristrutturata. 

L´architettura della fortezza di Montségur ha una particolarità; durante il solstizio d´estate, i primi raggi del sole attraversano il loggione da parte a parte. Per alcuni è un caso, per altri è la prova di un culto solare. Forse non è altro che il desiderio di essere in armonia con la natura. 

Comandante della difesa era Pierre-Roger di Mirepoix, e il Conte di Tolosa Raymond VII li aiutava inviando loro viveri e acqua. Nel mese di gennaio del 1244 due catari, Mattheus e Pierre Bonnet, lasciarono la fortezza per nascondere in una grotta il loro tesoro. Il 13 marzo dello stesso anno, tre Perfetti, Amiel Aicard, Hugo e Poiterin e un credente, lasciarono la fortezza, durante una tregua, portando via qualcosa di molto prezioso per loro e legato alla "loro religione", un tesoro spirituale.

Manoscritti? 

Il segreto di un nascondiglio di un tesoro più che materiale? 

Pierre Roger di Mirepoix dichiarerà agli inquisitori che i tre Parfaits erano fuggiti, affinché la Chiesa Catara non perdesse il suo tesoro e non restasse privo del suo tesoro nascosto nella foresta, di cui solo i tre "parfait" ne conoscevano il nascondiglio. 

Essi si erano congiunti con il loro spirito celeste. Pierre-Roger Mirepoix era discendente di Mérovèee Levi, signore di Mirepoix, il quale, su ordine di Bera II, aveva salvato Sigiberto IV portandolo a Rennes Le Château, quando Pipino II fece assassinare Dagoberto II. Pierre Roger di Mirepoix era molto legato alla sovranità merovingia. 

I Crociati dovevano recuperare qualcosa a Montségur, ma non la trovarono mai, perché era stata portata via la notte di quel famoso 13 marzo 1244. Il loro segreto lo conoscevano anche i Templari, cha a distanza di qualche anno, nella notte di venerdì 13 ottobre 1307 vennero messi al rogo. 

Nei paesi catari, non solo non era concepita l´idea della violenza, ma convivevano in perfetta armonia, catari, cristiani, mussulmani ed ebrei. Essi intendevano tornare al modello ideale di chiesa descritto nei vangeli e negli atti degli apostoli. Un´isola felice dell´anno 1000 è definitivamente morta.